Taekwondo, Europei Open Beach 2019

08.04.2019

Taekwondo, Europei Open Beach: Italia da 10 medaglie e lode.

                         "Ci siamo superati"

Gli azzurri conquistano dieci medaglie  in Turchia ad Antalya:

3 ori, 3 argenti e 4 bronzi.

 Il Direttore Tecnico Notaro: "Soddisfatti di aver lasciato il segno"

MEDAGLIE - Gli azzurri non si sono fatti scappare l'occasione di lasciare il segno fin dalla prima edizione. A far risuonare l'Inno di Mameli ci hanno pensato i team Poomsae composti da Davide Boriello, Alessio Notaro e Giuseppe Cannatella (Junior) e da Andrea Preziosi, Michelangelo Sampognaro e Nicolà Botrugno (Under 30),

Taekwondo (pron.: Tecondò) - dal coreano Tae "colpire col piede, kwon "pugno" e do "arte". Metodo di combattimento di antica origine coreana. Praticato sin dal 1° sec. a.C. come arte marziale, il Taekwondo si è affermato come disciplina sportiva di combattimento nella seconda metò del sec. XX, distinguendosi dagli altri sport marziali per la particolare efficacia, dinamismo e spettacolarità delle sue tecniche di gamba (calci circolari ed in volo, calci multipli).

Diffuso in tutti i continenti (210 le nazioni affiliate alla World Taekwondo, 50 in Europa, 70 milioni i praticanti), il Taekwondo è stato ammesso inizialmente come sport dimostrativo ai Giochi Olimpici di Seoul '88 e Barcellona '92, per poi essere inserito come sport olimpico ufficiale dalle Olimpiadi di Sidney 2.000.

Attualmente il Taekwondo è praticato in tutti i continenti da circa 70 milioni di persone. Dal 2017 l'acronimo WTF diventa semplicemente WT (World Taekwondo).

Le origini del Taekwondo si fanno risalire a circa 2000 anni fa, quando l'attuale Corea era divisa in tre regni. Il più piccolo di essi, Silla, sviluppò e perfezionò un sistema di difesa e attacco che contribuì molto alle vicende storico militari del regno. Anche negli altri regni si diffusero man mano diversi sistemi di combattimento di cui restano ampie tracce in affreschi e pitture murali rinvenute nelle tombe risalenti ai primi secoli dopo Cristo.

Dopo l'unificazione in un solo regno, l'arte del combattimento, che nelle diverse epoche assunse diversi nomi (SUBAK, TAEKKYON, HWARANGDO ecc.), si evolse e diffuse tra la popolazione, diventando molto popolare tra gli usi e costumi locali e nell'addestramento militare.